martedì 4 marzo 2008

Ho parlato con David Lloyd...

...e mi ha dato risposte a domande che non ho fatto.
Grazie alle traduzioni di Adriano siamo riusciti a parlare per qualche minuto, ignorando le lamentele di quelli che dietro di me, aspettavano di farsi autografare Kickback.
Che maleducati.
Ci siamo punzecchiati un pò a vicenda, parlando di quello che sto facendo, mi ha fatto un disegno sulla mia copia, e ci siamo salutati.
In metro ho aperto il fumetto a caso:

Facevamo lunghe chiaccherate, quando andavo al liceo. Mi dava sempre un sacco di consigli, che glieli chiedessi o no... Come se volesse che smettessi di fare errori, ancora prima di farne.
Ricordo che diceva sempre: "Non smettere di costruire il tuo sogno finchè non diventa un castello in aria."


Peccato non poter rispondere a un fumetto.

5 commenti:

Adriano Barone ha detto...

Sì che puoi.
Con un altro fumetto.

A:

paolo ha detto...

Vero!
:P

La ele ha detto...

...si ma la cosa comporta il fatto che lo dovrebbe leggere. :)
La ele

Adriano Barone ha detto...

Ti traduco anche quello, baby. ;-)

A:

Vin ha detto...

Quando ho conosciuto David Lloyd un paio di anni fa ,quello che mi ha colpito di piu' è che utilizza un portafoto come portfolio dei suoi lavori (oltre al fatto che è una persona gentilissima)
Ma lui può permetterselo.