sabato 20 agosto 2011

Ieri sera ho conosciuto un Dio.

Mica te lo aspetti di incontrarlo, un Dio, quando sei seduta fuoi da un locale a bere con gli amici.
E invece dal fondo della strada arriva questa persona immensa, con poca carne attaccata alle ossa, pochi denti e ancora meno capelli, ma con una bella barba bianca, piedi nudi, pelle color mattone, tatuaggi che raccontano la sua storia e un gallo sulla spalla.
Giuro!
Un gallo!
Un gallo vero!
Qualcuno di noi lo conosceva di vista, il Dio, non il gallo, e vedendolo passare lo ha fermato per scambiare due parole.
Più che due parole, erano due frasi che ha buttato lì prima di congedarsi per andare in fondo alla strada, dove c'è quel baracchino con il tipo che gli offre sempre da bere.

"Siete felici? Ma divertitevi!"

Quattro stupidissime parole che hanno avuto il potere di fare lo stesso effetto su tutti i presenti.
Perchè li ho visti gli occhi dei miei amici, dopo che lui se n'è andato, lasciandoci imbambolati come dei cretini, col magone, commossi come se quella fosse stata la prima volta nella vita, in cui qualcuno si interessava di noi.

3 commenti:

Maddelaine Green ha detto...

A volte bastan quattro parole. Buona serata. :)

La ele ha detto...

è proprio vero!

La ele

Mattia ha detto...

Non riuscivo a dire proprio nulla. Ero.. cioè.. ero meravigliato.